BEMIDBAR e SHAVUOT 5780: 11 LEZIONI

22 Maggio 2020 0 Di DavidYosef

B’H’ Yom Hashishì Venerdì 29 Maggio 2020, 6 del mese di Sivàn 5780 Shavu’òt 1° giorno leggeremo la Parashà: 1° Séfer: Esodo 19: 1 – 20: 23 2° Séfer: Numeri 28: 26-31

HAFTARÀ Ezechiele 1,1-28;3,12

e Yom SHABBAT 30 Maggio 2020, 7 del mese di Sivàn 5780 Shavu’òt 2° giorno leggeremo la Parashà: 1° Séfer: Deuteronomio 15: 19 – 16: 17 2° Séfer: Numeri 28: 26-31

HAFTARÀ (Italiani, Sefarditi) Abacucco 2,20-3,19 

(Ashkenaziti) Abacucco 3,1-19

Questa sera inizia la festa di Shavuot il patto sul monte di Sinày e la ricezione della Torà.
Come mai, tra tutte le mitzvòt che Dio ci ha dato, solo Dieci di queste vennero scolpite sulle Tavole? Nella Torà ci sono ben 613 comandamenti e i famosi Dieci sono inclusi in questo numero. Ognuno di essi ci offre l’opportunità di avvicinarci a Dio e una mitzvà non è meno importante di un’altra. Anche se credere nell’Onnipotenza Divina può sembrare superiore all’evitare di accendere una luce di Shabbàt, entrambi sono elementi necessari per compiere il volere Divino: il Signore desidera che noi osserviamo tutti i Suoi comandamenti e ciascuno di essi rappresenta il Suo volere eterno.
I Dieci Comandamenti, quindi, non sono più importanti degli altri. Come mai allora sul Monte Sinày ci furono dati solamente questi? I Dieci sono comandamenti generali e globali che contengono in sé gli altri 603; infatti, all’interno di essi è possibile trovare la radice di tutti gli altri.
Il comandamento dello Shabbàt, ad esempio, include i 39 lavori proibiti (melakhòt) e i loro derivati; “Non rubare” comprende le leggi relative al rapimento, all’inganno, agli imbrogli e altri ancora.
L’insieme dei Dieci Comandamenti può essere condensato nei primi due; infatti, gli altri otto derivano tutti da Io sono il Signore tuo Dio e da Non avrai altri dei davanti a Me. Questi due possono, a loro volta, essere concentrati nel primo comandamento, poiché il secondo deriva dal primo. Secondo la mistica, il primo comandamento può essere ridotto alla sua parola iniziale, Anokhì, Io; e questa può essere concentrata nella lettera àlef. Per questo quando un bambino impara la prima lettera dell’àlef-bet, sta di fatto imparando la Torà intera, racchiusa in una sola lettera.
Questo processo di riduzione è simile al DNA contenuto in una cellula che include le istruzioni per la composizione di un intero corpo. Ognuno di quei geni minuscoli e delicati fungono da mattoni per il nostro sistema corporeo; allo stesso modo, tutti i comandamenti che Dio ci ha dato sono codificati all’interno dei Dieci Comandamenti.
Quando verrà il Mashìakh ci saranno rivelati i segreti più profondi della Torà, riusciremo a capire il vero significato di ogni parola e di ogni mitzvà, lo studio sarà di una qualità talmente superiore a quello di oggi che i nostri saggi poterono affermare: La Torà studiata oggi è come un soffio rispetto a quella di Mashìakh.
Shavuot Sammeah e
Shabbat Shalom
Rav Shlomo Bekhor

NUOVO ARTICOLO ATOMICO DAL NUOVO VOLUME DELLA TORA’: PANORAMICA BEMIDBAR

Deserto: Lo Scopo della Nostra Esistenza

Il nome ebraico del Libro della Genesi, Bereshìt, significa “in principio”; il libro presenta lo sfondo storico e religioso necessario alla creazione del popolo ebraico, alla consegna della Torà e al dono della Terra di Israele. Il nome ebraico del Libro dell’Esodo, Shemòt, significa “nomi”, e descrive il modo in cui Hashèm estrasse “una nazione dall’altra” e plasmò l’identità e la psiche del popolo ebraico, il cui compito è quello di trasformare questo mondo in un santuario di consapevolezza del divino. Il nome ebraico del Libro del Levitico, Vayikrà, significa “ed Egli chiamò”, il quale mostra nel dettaglio come gli ebrei siano tenuti a rispondere alla “chiamata” divina rimanendo separati dal materialismo di questo mondo, ma allo stesso tempo, elevandolo e rendendolo spirituale.

Il nome ebraico del Libro dei Numeri, Bemidbàr, significa “nel deserto”. L’immagine del deserto è quella di una terra desolata, non coltivata e non civilizzata, ed è infatti presa come simbolo del nostro mondo fisico, che è imperfetto, largamente indifferente, anti-etico, e spesso anche antagonista alla percezione del divino. 

All’inizio della Genesi la Torà ci dice come il mondo – concepito inizialmente come giardino di Hashèm – si sia degradato tanto da diventare un “deserto” (Bereshìt), e come il piano superiore del progetto divino porti alla nascita di Israèl (Shemòt) al quale viene assegnata la missione di riportare il mondo alla sua natura intrinseca e inoltre ci insegna come farlo (Vayikrà). La Torà ora ci racconta di come Israèl viene mandato in questo “deserto” per compiere la sua missione: per testare la dedizione che mostra verso il suo destino e la resistenza agli elementi ostili dell’ambiente terreno che lo circonda. Questa tensione drammatica sottolinea l’importanza della storia di Israèl e il suo impatto sul creato, così come trasmessa nel Libro di Bemidbàr.

Non c’è quindi da stupirsi che la parashà che apre questo Libro – e che condivide con esso il nome Bemidbàr, “nel deserto” – descriva come Dio arruoli la giovane nazione nel Suo esercito. In verità, ci si era riferiti al popolo ebraico quale esercito da quando esso lasciò l’Egitto: “E fu proprio in quello stesso giorno che le legioni di Hashèm uscirono dalla terra d’Egitto”. Ma è solo in questa parashà, quando esso è in procinto di uscire dalla serena dimensione spirituale della “yeshivà” del Monte Sinày, una sorta di torre d’avorio spirituale, e inizia la sua peregrinazione nel deserto, che viene ufficializzato questo compito come esercito di Hashèm. Un viaggio pieno di presagi durante il quale Israèl è censito, organizzato secondo genealogia e coscritto in un esercito regolare.

Quindi la prima lezione di questa parashà è che non dovremmo mai illuderci che il mondo nel suo stato attuale sia un’entità benigna, neutra e di non avere alcun ruolo nel suo perfezionamento. Il mondo e ogni cosa in esso è una sfida, una continua “chiamata alle armi” che ci esorta a radunare le nostre più potenti forze spirituali allo scopo di redimerlo, di riportarlo al suo stato originale, come è stato creato: una dimora per Hashèm. 

Pensare di aver sconfitto il “nemico” e tutte le tentazioni che ci circondano, illudersi che esse non ci influenzino negativamente o di poter convivere tranquillamente con le nostre innate tendenze, questo è già un sintomo di caduta.

Ma perché tutti questi dettagli? La Parashà di Bemidbàr sembra essere un infinito database di nomi di famiglie, statistiche e ridondanze. Non sarebbe stato molto più semplice se la Torà avesse riassunto l’intero censimento e il processo di reclutamento in poche parole o frasi?

Per cominciare a capire il perché, dobbiamo notare in primo luogo che – a parte pochissime eccezioni – la Torà descrive il conteggio di ciascuna tribù esattamente nella stessa maniera. Perciò, da una parte, il censimento rappresenta un importante strumento di eguaglianza: ognuno conta come un singolo, e le nostre rispettive individualità vengono perdute diventando componenti anonime dell’intero conglomerato. D’altra parte, ognuno viene contato, e l’insieme collettivo è inadeguato se mancasse anche di una sola unità costituente. Questo indica che ogni individuo ha il suo contributo esclusivo e che solo lui o lei può rendere la collettività completa. 

In altre parole, il censimento esprime l’interazione paradossale tra l’individuo e l’identità collettiva. Ognuno di noi è un individuo unico, totalmente differente dall’altro, e benedetto con i suoi propri punti di forza e con le sue sfide. Ognuno di noi, quindi, ha un valore infinito e insostituibile. In generale, questa individualità è espressa dal fatto che il popolo ebraico è suddiviso in dodici distinte tribù, ognuna delle quali ricevette, dal comune capostipite Ya’akòv, la sua propria e particolare benedizione, basata sul tipo di servizio divino di ogni singolo. Quindi, ogni tribù viene contata separatamente, e questo ci viene presentato dalla Torà per informarci della nostra unicità e del nostro essere indispensabili, per via del contributo insostituibile che ogni individuo realizza nella battaglia volta a rivelare il divino in questo mondo.

D’altra parte, poiché condividiamo tutti anche un’identità collettiva comune, allora ci rispecchiamo e siamo complementari l’un l’altro. Nessuno di noi è in grado di combattere da solo, e dobbiamo tutti raccogliere le forze e l’ispirazione uno dall’altro. Per questa ragione, non è sufficiente ascoltare e leggere il censimento solamente della propria tribù di appartenenza; dobbiamo ascoltare e leggere il censimento di tutte le tribù e ognuna individualmente, anche se apparentemente ci sembrano tutte uguali. In questo modo, assorbiamo tutte le forze spirituali di ogni singola tribù e siamo in grado di identificarci con tutte le loro particolarità. L’identità comune collettiva che tutti condividiamo è il nucleo ed essenza dell’anima divina, “la parte superiore di Hashèm” che risiede dentro ognuno di noi. Ma paradossalmente, è questa stessa anima divina la fonte della nostra individualità. Questo perché il Divino stesso è al medesimo tempo semplice e complesso: Hashèm è un’unità assolutamente semplice e non complessa, e tutto ciò che è divino riflette questa unità. Ma Hashèm è anche la fonte di tutta l’esistenza, il che significa che l’unità inseparabile divina, contiene il potenziale per le infinite varietà di espressione. Pertanto ogni anima, che è parte di Hashèm, è sia un’espressione dell’assoluta semplicità divina, sia un’espressione di una delle infinite sfaccettature dell’Altissimo.

Quindi il paradosso che il censimento ci insegna a sviluppare è quello di focalizzarci su quell’aspetto della nostra personalità che abbiamo tutti in comune e che allo stesso tempo è la fonte della nostra individualità unica e infinita, ovvero il nucleo interiore dell’anima divina.

È questa essenza della Divinità che è dentro di noi che ci motiva e sprona nella “battaglia” quotidiana per redimere il mondo e riportarlo alla sua vera essenza originale. Una volta che siamo in sintonia con la connessione interiore che abbiamo con Hashèm e con la nostra missione per la quale siamo stati inviati nel mondo, niente potrà opporsi alla nostra dedizione e alla sfida del Libro di Bemidbàr, nell’affrontare il viaggio pericoloso attraverso un “deserto” apparentemente privo della presenza divina per trasformarlo in ultima analisi in una Terra Promessa.

Il quarto libro della Torà rappresenta la conclusione dello scopo del creato ed è per questo che il nome di questo libro è Bemidbàr – Deserto, ossia la trasformazione del totale profano in un luogo divino tramite il Tabernacolo nel deserto. Pertanto, per realizzare questo ci vuole un “esercito” spirituale pronto a combattere la nostra vera missione nel mondo,  e ogni persona al mondo fa parte di questo esercito ed è fondamentale per questo completamento, per il semplice fatto che è stato mandato in questo mondo. Questo si collega con il nome Numeri che sono i conteggi dei numeri delle tribù, che sono i conteggi delle schiere degli eserciti che combattono per riportare il deserto in un luogo abitabile da Hashèm.

Ispirati in tal modo, siamo pronti per arruolarci nei ranghi delle legioni di Hashèm, per venir censiti e coscritti nelle forze del bene e del sacro, la cui missione è portare il creato al suo autentico compimento.

Tratto dal nuovo libro Bemidbar pagine 32-33.

per il pdf cliccare qui:

www.virtualyeshiva.it/files/panoramica_bemidbar.pdf

Qualche anno fa, ho letto con grande stupore una notizia apparsa sul sito Yediòt Ahronòt: in Corea del Sud il Talmùd è diventato un libro obbligatorio in tutte le case. I coreani hanno spiegato che questa decisione è legata al fatto che, secondo loro, gli ebrei possiedono un’intelligenza particolare e sperano, attraverso lo studio del Talmùd, di poter diventare anche loro dei geni.
I coreani hanno davvero scoperto uno dei nostri segreti? È questa la vera ragione per la quale numerosi Premi Nobel sono ebrei? Certamente si! Lo dice chiaramente la Torà: Poiché la Torà è la vostra intelligenza davanti ai popoli (Devarìm 4, 6).
Il momento ideale per riflettere su questo argomento è Shavu’òt, che celebriamo questa sera, ricevendo di nuovo la Torà, come se fossimo ai piedi del Monte Sinày.
Come ci sono arrivati i sud coreani, questa festa è l’occasione giusta per prenderne coscienza anche noi.
Talvolta i gioielli più preziosi sono in casa, sotto i nostri occhi, e noi li cerchiamo altrove: l’erba del vicino è sempre più verde!
Diventiamo anche noi Coreani e studiamo un po’ di Torà e Talmud ogni giorno!!!
——————————
Domenica mattina il primo giorno di Shavuòt dobbiamo tutti sentire i 10 comandamenti anche i bambini.
Perché i Dieci Comandamenti sono scritti al singolare?
Da una parte sono indirizzati al popolo ebraico come collettività, poiché se solo un ebreo non fosse stato presente sul Monte Sinai, la Torà non sarebbe stata data.
Dall’altra, essi sono indirizzati a ogni ebreo, come individuo, indipendentemente dagli altri. Ogni singolo ebreo ricevette la Torà in modo unico, personale secondo i suoi bisogni spirituali e psicologici.
——————————
Il Rebbe di Lubavitch, prima di Shavuòt, augura sempre “kabalàt ha-Torà be-simchà u be-pnimiùt” – affinché ognuno ricevesse la Torà con gioia e ispirazione dal più profondo si sé.
Quando qualcosa ci influisce nella pnimiùt, la dimensione più profonda di noi stessi, essa tocca il nostro cuore. Non possiamo fare una cosa pensando ad un’altra. Ogni cosa deve essere fatta con tutto il cuore e con sincerità.
Con l’augurio di ricevere la Torà “be-simchà u-be-pnimiùt”! Amèn.

Riporto i link delle lezioni on line su virtualyeshiva.it della parashà di questa settimana.

Shabbat Shalom
Rav Shlomo Bekhor

BEMIDBAR

HaShem istruisce di fare un censimento delle dodici tribù d’Israele mentre sono nel deserto. Moshè conta 603,550 uomini in età di leva tra i 20 e i 60 anni; la tribù di Levì invece viene contata separatamente e include 22,300 maschi da un mese in poi. I Leviti dovranno fare servizio nel Tabernacolo al posto dei primogeniti che sono esclusi dal servizio a causa del peccato del Vitello d’Oro. I 273 primogeniti che non hanno un Levita per rimpiazzarli sono tenuti a pagare un riscatto di cinque shekel per riscattare se stessi.
Quando il popolo leva le tende i tre clan dei Leviti smontano e trasportano il Santuario per poi rimontarlo nel centro del prossimo accampamento. In seguito essi erigono le loro tende intorno ad esso, quelli del gruppo di Kehàt, che trasportano sulle loro spalle l’arca, la menorà ecc coperti con i loro rivestimenti speciali si accampavano a sud; quelli del gruppo di Ghershòn che si occupavano delle tappezzerie e delle coperture del tetto, ad ovest e le famiglie di Merarì, che trasportavano i pannelli delle mure ed i pilastri a nord. Moshè, Aharòn e i suoi figli si accampavano davanti all’entrata del Tabernacolo, ad est.
Oltre al cerchio dei Leviti, le dodici tribù si accampavano in gruppi di quattro che includevano tre tribù. Tale formazione veniva mantenuta durante i viaggi. Ciascuna tribù aveva il proprio nassì (leader) e la propria bandiera con il colore e l’insegna della tribù.

BAMIDBAR 5769 – DUE INGREDIENTI PER PRESERVARE L’EBRAISMO!

Il Significato delle 2 Coperture degli Oggetti del Santuario

BAMIDBAR 5766 – COME ESSERE PRONTI PER RICEVERE LA TORA!

Nel Pirkè Avot viene indicata la strada per studiare e ricevere con pienezza la Torà: il distacco dall’eccesso di materialità! La via dei Chassid!

BAMIDBAR 5765 – DALLA PRIMA ALL’ULTIMA RETTIFICAZIONE!

Si può anticipare l’ultima Redenzione? Può l’Era Messianica giungere in qualsiasi momento?

SHAVUOT

Le lezioni su Shavuot si possono trovare sul link sotto:
http://www.virtualyeshiva.it/2006/05/28/yom-tora-5766-fare-la-differenza/

Alcune delle lezioni su Shavuot imperdibili sono:
SHAVUOT 5770 – IL GIORNO IN CUI NON È SUCCESSO NIENTE, MA È SUCCESSO TUTTO!!!
Delle volte le più grandi preparazioni si fanno in silenzio.

http://www.virtualyeshiva.it/2011/05/03/emor-5771-3-matrimoni-pecora-toro-e-gemelli/

http://www.virtualyeshiva.it/2009/05/27/shavuot-5769-shavuot-vince-sotto/

http://www.virtualyeshiva.it/2006/05/28/yom-tora-5766-fare-la-differenza/

Durante la festa di Shavuot c’è la tradizione di leggere la Meghillà di Rut (Libro degli Agiografi). Come Shavuot rappresenta un momento di grande amore, tra HaShem e gli ebrei, nello stesso modo la meghillà di Rut narra un gesto d’amore altrettanto importante. Una vicenda dai profondi significati, studiata dalla mistica ebraica.

SHAVUOT 5771 – Meghilla di Rut cap I – Seconda lezione – LOT YEHUDA BOAZ: TRE UOMINI UN ANIMA

L’anima che ritorna in questo mondo per rettificarsi ha un evoluzione progressiva e si completa sempre di più da un ciclo all’altro.

SHAVUOT 5771 – Meghilla di Rut cap II – Terza lezione – SOLI NELLA NOTTE!!!

Un atto altamente immorale, si rettifica solo per mezzo di una profonda moralità.

SHAVUOT 5771 – Meghilla di Rut cap. IV – Quarta lezione – GUARDARE OLTRE IL CORPO!

Un grandissimo insegnamento di vita ci fa capire quali sono gli elementi significativi per avere un matrimonio di successo!

SHAVUOT 5771 – Meghilla di Rut cap.IV – Quinta lezione – LA SPADA NELLA ROCCIA!

Il divieto di convertirsi all’ebraismo vale solo per i moabiti o anche per le donne?

SHAVUOT 5771 – Meghilla di Rut cap.IV – Sesta lezione – PERCHE DAVID ERA CONSIDERATO UN FIGLIO ILLEGALE?

Il dubbio sulla identità di Rut si trascina per diverse generazioni fino a suo nipote Ishay che lascia ma non lascia sua moglie!

SHAVUOT 5771 – Meghilla di Rut cap.IV – Settima lezione – MEGLIO RAZIONALE O SPONTANEO?

Le caratteristiche fondamentali per essere un monarca, per essere un redentore!

SHAVUOT 5771 – Meghilla di Rut cap.IV – Ottava lezione – PERCHE’ LE ANIME PIU’ ALTE CADONO NEI POSTI PIU’ BASSI?

Il segreto della rimozione della scarpa di Boaz.