Tag: Israele/Esilio

VAYEKHI 5771 – EBRAISMO E FEMMINISMO SONO INCOMPATIBILI?

La benedizione che si concede ai figli, cita i due figli di Yossèf. Dall’esempio dei suoi due figli, e delle tribù che essi formeranno, è possibile dedurre come un ebreo debba comportarsi in esilio, per resistere in contesti impuri e mantenere vivo l’ebraismo. Due modi per superare l’impurità: la strada della nostalgia del passato e la via di saper scoprire il bene presente anche nel negativo.

Di RebShlomo 15 Dicembre 2010 2

VAYEKHI 5767 – LA FORZA SPIRITUALE DI YAAKOV

Yaakòv fa giurare a suo figlio Yossèf di essere seppellito in Israele. Il giuramento, non costituisce un atto di sfiducia, quanto un modo per rafforzare, con assoluta certezza, l’azione richiesta al figlio. La sua volontà di non restare legato all’Egitto, ma di riconoscere la propria funzione spirituale di essere al di sopra dell’esilio, per poter salvare i figli, riscattandoli dall’esilio. Viene analizzata la differenza spirituale di Yaakòv e Yossèf, in relazione all’esilio. Ogni anima, in funzione della propria specifica natura, ha un diverso livello spirituale di servizio verso D-o.

Di RebShlomo 4 Gennaio 2007 0